top of page

COME TUTELARE UN PROGETTO ARTISTICO – COMMERCIALE?

- LINEE GUIDA -

Avete ideato una creazione unica, un progetto innovativo, l’invenzione che cambierà la vostra vita? Ebbene, prima di gridare al mondo - insieme al vostro entusiasmo - i dettagli della vostra opera, è opportuno che prendiate i dovuti accorgimenti legali oltreché commerciali.


Anzitutto, le basi: un’idea astratta non è tutelabile. Secondo la vigente normativa sul diritto d’autore perché un’opera dell’ingegno sia meritevole di tutela è necessario che sia dapprima estrinsecata in una forma definita. Pertanto, se la creazione di cui sopra è una fantasia che vive esclusivamente nella vostra testa e qualcuno la manifesta prima di voi, non sarà possibile rivendicarne alcun diritto.


Se, al contrario, siete intenzionati a dare forma alle vostre idee, le seguenti linee guida fanno al caso vostro.


Vediamo dunque quali passaggi è bene osservare per non incappare in spiacevoli violazioni dei vostri diritti:


1. GLI ACCORDI DI RISERVATEZZA. La segretezza di un progetto è parte fondamentale della sua tutela e riuscita commerciale. Tale regola è tanto più importante quanto più la creazione è nuova, ovvero non ancora presente sul mercato. Gli accordi di riservatezza sono utili proprio a non divulgare informazioni fondamentali che è vostro interesse restino segrete. Mi raccomando: prima si sottoscrive l’accordo e solo successivamente si svelano i dettagli di un progetto.


2. DEPOSITO DEL PROGETTO CON DATA CERTA. Trattasi di una marcatura temporale che attribuisce data e ora al documento fornendo prova della sua creazione in un determinato arco temporale e/o della sua esistenza anteriormente ad uno specifico evento.


Tale strumento ha valore probatorio anche in sede giudiziaria e pertanto è particolarmente utile nell'attestare più efficacemente la paternità di un’opera contro eventuali violazioni di terze parti.


Infatti, benché la legge sul diritto d’Autore stabilisca che i diritti d’autore su un’opera nascono dal momento della sua creazione senza alcuna formalità (contrariamente a quanto accade per marchi – design – brevetti, come descritto al punto 4 che segue), può non essere sempre agevole fornire prova della paternità di un’opera e/o di essere stati i primi a realizzarla.


In tale eventualità ci soccorre la certificazione con data certa che mira proprio a coadiuvare la posizione dell’autore di un’opera nel dimostrare i diritti sulla stessa.


3. IL NOME DI UN PROGETTO. Scelta da non sottovalutare per molteplici ragioni tra cui la formazione della propria identità commerciale, la connessione con il consumatore, l’identificazione dello stesso con i messaggi che la vostra realtà commerciale desidera trasmettere, la distintività sul mercato rispetto a potenziali competitor e, non ultima, la distintività giuridica. Tale ultimo requsito è fondamentale, insieme ai requisiti di novità e liceità, in fase di deposito del vostro nome quale marchio ai fini di ottenerne la registrazione.


4. I VANTAGGI DELLA REGISTRAZIONE DI MARCHI - BREVETTI - DESIGN. A tutela delle caratteristiche del vostro progetto potete aspirare ad ottenere una o più privative industriali ovvero, a seconda della tipologia degli asset immateriali da proteggere: marchi, design, brevetti.


La registrazione di tali asset, ognuno con le sue particolarità, consente al titolare di possedere la proprietà e l’uso esclusivo degli stessi all’interno di uno o più territori con numerosi vantaggi giuridici, commerciali e fiscali, tra cui, senza pretesa di esaustività, i seguenti:

  • Maggiore tutela in sede giudiziaria. A titolo esemplificativo, in caso di violazione sarà molto più agevole dimostrare l’illecito attraverso un titolo registrato.

  • Maggiore valore commerciale. Un prodotto protetto da marchi e/o design e/o brevetti suscita maggiore interesse tra gli operatori del mercato.

  • Sgravi fiscali e finanziamenti di settore. Le imprese che sfruttano direttamente e indirettamente gli asset immateriali registrati possono usufruire del Patent Box, ovvero un regime fiscale agevolato. Inoltre, le PMI che registrano un marchio a livello dell’Unione Europea o internazionale possono partecipare ai bandi di finanziamento che prevedono parte del rimborso delle spese sostenute.

5. I NOMI A DOMINIO. Secondo quanto sancito dal Codice della Proprietà Industriale sono a tutti gli effetti segni distintivi, sia pure atipici. Questo comporta che, così come per i marchi, anche i nomi a dominio basano la loro validità sul rispetto di alcuni requisiti formali quali la novità, l’uso e la capacità distintiva.


Si diventa titolari di un nome a dominio secondo il principio del “first come, first served” ossia “chi primo arriva ottiene il diritto” ma, attenzione, se acquistate un nome a dominio identico o simile ad un marchio di terzi state commettendo una violazione dell’altrui proprietà industriale, precisamente, una contraffazione dell’altrui marchio, secondo quanto stabilito dalla giurisprudenza.


Descritta la regola generale, è bene ricordare che nella pratica non sempre ci troviamo a ipotesi di contraffazione: ogni casi è a sé stante e deve essere valutato secondo parametri specifici.


Dal punto di vista commerciale il nome a dominio può essere definito quale indirizzo virtuale della vostra attività e centro di interessi pubblicitari, di marketing, di identità aziendale/professionale, di raccolta della clientela e così via. Per queste ed ulteriori ragioni è spesso opportuno studiare una strategia di acquisto di un pacchetto di nomi a dominio che rappresentino e proteggano il vostro progetto contribuendo a differenziarlo dalla concorrenza, non limitandosi all'acquisto di un unico nome a dominio.


Gli strumenti di tutela giuridica non si esauriscono nelle linee guida qui descritte. Solo attraverso uno studio del caso specifico si può definire la migliore strategia di tutela e di valorizzazione del vostro progetto commerciale e artistico. Intanto prendete nota.


RICHIEDI UNA CONSULENZA!

Sei un artista, influencer, creativo, azienda, libero professionista e hai necessità di tutelare i tuoi marchi, design, diritto d'autore e più in generale i tuoi progetti creativi? Richiedi una consulenza all'avvocato Maria Paola Pinna qui



Maria Paola Pinna

Avvocato



Contatti:

Sito Internet: www.mariapaolapinna.com

Profilo Instagram: @emmepi_iplaw

E-email: avvocato@mariapaolapinna.com


Kommentare


bottom of page